Autore: Filip Dudal D.O.
Institute for Functional Medicine Certified Practitioner (IFMCP) USA
www.osteopatia-still.com

Spalla bloccata, dolorosa e infiammata

Diverse sono le cause possibili che possono limitare il movimenti della spalla e rendere l’articolazione infiammata e dolorosa.

Per meglio poter stabilire la condizione della spalla e per definire la causa è giusto ricorrere a diversi esami di laboratorio e esami strumentali:

  • La radiografia è un esame che permette di studiare soprattutto le parti dure dei tessuti, come le ossa e le cartilagini.
  • L’ecografia è indicata per mettere in evidenza eventuali lesioni dei tessuti molli, come i tendini e i muscoli.
  • La Risonanza Magnetica evidenzia in modo più preciso tutti i tessuti e costituisce un’ arma importante per escludere diverse patologie, anche gravi che possono indurre un sintomo al livello della spalla.

Quando non si tratta solo di un problema di natura meccanica, ma anche di un processo infiammatorio oltre che doloroso, un esame del sangue e delle urine permette di escludere varie componenti metaboliche che possono venire a complicare il quadro clinico.

In caso di trauma e dopo aver escluso fratture e lesioni ai legamenti e alle strutture muscolo-tendinee, l’osteopata interviene per valutare la mobilità delle articolazioni e le specifiche perdite di mobilità dovute all’incidente. Questo non solo a livello della spalla stessa, ma di tutte quelle strutture articolari e muscolari correlate. Infatti dalla spalla partono diversi muscoli che la collegano con la colonna vertebrale, le costole, lo sterno, la clavicola, la scapola, il cranio, la mandibola e il bacino. Lo stesso trauma che avviene a due persone diverse, avrà un effetto diverso secondo la postura e gli schemi motori iniziali specifici di quella persona.

 

 

Una volta trovati i punti di tensione, l’osteopata passa alle manipolazioni vere e proprie, per sbloccare la spalla, la clavicola, la colonna vertebrale, le costole, il bacino ed eventualmente anche la mandibola e l’atlante che si articola con l’osso occipitale del cranio. Egli sceglierà tra le numerose tecniche quella che reputerà la più appropriata e specifica a seconda del tipo di blocco, l’età della persona e il dolore presente.

 

 

Spesso, il trauma avviene su uno schema di postura e mobilità già alterato prima dell’incidente. La correzione degli schemi antecedenti presenti, permettono di ottenere i migliori risultati e di mantenerli nel tempo. Basta pensare che esiste un muscolo, il latissimus dorsi, che collega direttamente la spalla al bacino. Ogni squilibrio del bacino si ripercuote sulla normale funzionalità della spalla e viceversa. E’ proprio questa la specificità dell’osteopata, egli ha una profonda conoscenza dell’anatomia e della concatenazione dei muscoli e delle articolazioni che insieme lavorano per un’armonia del gesto e della postura.

Quando il problema non è di origine traumatica, l’approccio multi-disciplinare è d’obbligo. Una volta escluse le diverse patologie possibili tramite le analisi di laboratorio e gli esami strumentali, l’osteopata potrà intervenire.

L’apparato muscolo-scheletrico e dunque anche la spalla, è correlato con gli organi interni, con il sistema nervoso centrale e periferico, con il metabolismo, con i circuiti e i campi energetici, e con l’aspetto psico-emotivo e mentale. Gli aspetti da prendere in considerazione sono molti e ognuno di questi aspetti necessita di un’azione terapeutica diversa e personalizzata.

L’innervazione della spalla dipende dal plesso brachiale che ha origine nel midollo spinale cervicale ed è fortemente influenzato dalla colonna cervicale. Un’ernia cervicale potrà dunque indurre un dolore alla spalla, accompagnato o meno da parestesie (formicolii) alle mani e una perdita di forza dell’arto superiore.

 

 

Quando il problema è dovuto ad una malocclusione o a tensioni psico-emotive l’osteopata valuta l’escursione delle articolazioni temporo-mandibolari e i diversi fattori muscolari, meniscali e dentali che possono provocare una tensione in quelle strutture muscolari che collegano la mandibola alla spalla. Inoltre l’osso ioide, la clavicola, le vertebre cervicali e le costole servono da tramite per portare le tensioni verso la spalla. In alcuni casi il problema può essere anche il movimento asimmetrico della lingua che agisce in modo diretto sulle prime vertebre cervicali. In altri casi una protesi può indurre tensioni sulle ossa mascellari. Infine, alcuni interventi ortodontici possono indurre tensioni transitorie di assestamento nei muscoli mandibolari che poi si traducono in tensioni cervicali e scapolari.

Il muscolo è anche serbatoio di tensione. L’apparato stomatognatico (insieme dei muscoli e organi della masticazione) è il più innervato  del corpo a livello cerebrale e quindi in contatto con il sistema nervoso e la psiche.

Se di giorno non riusciamo a scaricare e trasformare le nostre emozioni, durante il sonno, le tensioni emotive accumulate in  stato di veglia emergeranno la notte nel sonno e nel mondo onirico informandoci attraverso i sogni. Le stesse tensioni emotive di cui sopra si scaricano prevalentemente durante la notte attraverso il bruxismo, cioè il digrignare i denti.

Le emozioni ma anche le memorie delle cose vissute si iscrivono in forma di tensione nei muscoli e in una forma piu sottile ma non meno intensa nel nostro campo energetico. L’osteopata di grande esperienza e sensibilità potrà cogliere le anomalie delle strutture energetiche dell’individuo correlate con specifiche memorie del suo vissuto passato e attuale.

Quando il problema è di tipo energetico e correlato agli organi, l’osteopata valuterà la necessità di chiedere la collaborazione di un medico agopunture. In questo caso bisognerà considerare l’ aspetto dell’equilibrio energetico del paziente e il suo adattamento al cambiamento delle stagioni. Infatti alcune sindromi dolorose della spalla possono essere correlate ai meridiani (vie energetiche elettromagnetiche che scorrono in modo profondo negli organi, e in modo superficiale nei muscoli). I meridiani correlati con la spalla sono per esempio quello del polmone, dell’intestino tenue, del colon e del cuore.

Anche la mesoterapia, cioè l’iniezione locale sottocutanea di farmaci o  prodotti naturali, può essere indicata per ridurre lo stato infiammatorio e anche nei casi del dolore post-traumatico si ottiene un buon livello di miglioramento sia dei sintomi che della ripresa funzionale.

L’osteopatia con le sue tecniche energetiche e fasciali, può risolvere anche questi casi, ma un approccio multi-disciplinare può essere necessario.

Quando il problema è di tipo metabolico, si rende necessario definire le disfunzioni metaboliche che hanno causato l’infiammazione della spalla. A tale scopo verrà richiesto al paziente di effettuare analisi di laboratorio specifiche della Functional Medicine. Le malattie croniche (NCD – Non Communicable Diseases) o dette “Non-Comunicabili” come il diabete, l’obesità, le malattie cardio-vascolari, le malattie neuro-degenerative, le malattie autoimmuni e le malattie polmonari sono spesso responsabili di fenomeni infiammatori sistemici che si traducono in sintomi dolorosi dell’apparato locomotore e quindi anche della spalla.

Altre problematiche come la fibromialgia e le malattie autoimmuni possono causare dolore e infiammazioni alle spalle.

Infine, tante sindromi dolorose e infiammazioni possono essere mantenute in essere da uno scorretto stile di vita. La mancanza di sonno e di riposo, un’alimentazione scorretta, la mancanza di esercizio e lo stress psico-emotivo, spesso vengono a complicare il quadro già esistente.

Quando è necessaria la chirurgia: Se sono presenti alcune patologie o alcuni traumi articolari della spalla, si rende necessaria la chirurgia.

Le tecniche mini-invasive artroscopiche possono affrontare le più comuni affezioni della spalla come lussazioni abituali, rottura della cuffia dei rotatori, lesioni del tessuto tendineo usurato ed indebolito e le tendinopatie calcifiche. Queste lesioni del tessuto tendineo sono spesso l’espressione delle malattie croniche che per anni hanno generato uno stato infiammatorio mantenuto da stili di vista scorretti.

Nel caso di fratture o esiti di traumi che comportino un’importante limitazione dei movimenti, l’articolazione della spalla può essere sostituita con protesi articolari.

L’osteopatia contribuisce in modo importante alla riabilitazione post-operatoria.

Alla Still Osteopathic Clinics prendiamo in considerazione tutti questi aspetti ed elaboriamo un trattamento personalizzato perché sappiamo che esistono diverse cause per uno stesso sintomo, in questo caso la spalla bloccata, dolorosa e infiammata.

Condividi sui social:

Facebook
Twitter
LinkedIn

leggi gl'Ultimi articoli correlati

Pubblicato il 11/04/2020

Difesa Immunitaria

Come funziona – Il test per valutarla – Cosa la sostiene – Cosa la rende vulnerabile – Come rinforzarla In un momento di epidemia o pandemia come quello che …

Pubblicato il 03/02/2020

Disturbi correlati al consumo del glutine

Generalmente si considera che il Morbo Celiaco sia l’unica forma di disturbo causato dall’ingestione del glutine. In realtà diversi studi scientifici, condotti dal Dr. Alessio Fasano della Harvard University …

Pubblicato il 24/10/2019

Disturbi ai cambiamenti di Stagione. Come curarli con l’Agopuntura

Spesso, alcuni sintomi, si presentano puntualmente al cambiamento di stagione per poi diminuire nelle stagioni successive senza però mai risolversi del tutto. In alcuni casi, anche i cambiamenti metereologici …
E’ un metodo naturale di cura che sfrutta le proprietà di questi due gas, miscelati in una precisa percentuale, per neutralizzare le tossine accumulate.
L’agopuntura è un’antica tecnica terapeutica che mediante l’infissione di aghi, monouso e sterili, stimola punti sulla superficie corporea. Ogni punto ha una peculiare funzione.
L’intestino ha un ruolo fondamentale nella salute di tutto l’organismo e per le difese immunitarie. L’idroterapia del colon è un metodo per mantenere pulito l’intestino.
La naturopatia è una disciplina che, attraverso metodi e trattamenti non invasivi, a carattere non sanitario, si propone di migliorare lo stato di benessere dell’individuo.
La Still è attenta all’importanza di una diagnosi accurata, al fine di impostare la terapia più adatta al caso.
La terapia infusionale consiste nella somministrazione di soluzioni e sostanze per via endovenosa allo scopo di migliorare le condizioni cliniche del paziente.
Dolore, infiammazione e limitazione del movimento sempre più spesso accompagnano le problematiche dell’apparato locomotore.
L’ortopedico è in grado di diagnosticare problemi congeniti o funzionali del sistema muscolo-scheletrico, dalle infezioni ai traumi, fratture, problemi degenerativi delle articolazioni, osteoprosi e tumori alle ossa.
Il massaggio è la più antica terapia fisica, utilizzata nel tempo da differenti civiltà per alleviare dolori e decontrarre la muscolatura allontanando la fatica.
La terapia chelante viene utilizzata per trattare le intossicazioni croniche da metalli tossici alcuni dei quali sono detti “pesanti”, più comunemente accumulati nel corpo.
Le cause profonde che nel tempo portano a varie malattie, tra cui l’obesità, il diabete e le malattie cardiovascolari, sono le stesse che portano a disturbi e infiammazione dell’apparato locomotore.
La mesoterapia è una tecnica di somministrazione dei farmaci per via intraepidermica, intradermica (superficiale e profonda) e sottocutanea.
La filosofia e la pratica della medicina osteopatica si basa sulla visione, oggi attualissima, dell’essere umano come unità di corpo, movimento e spirito.
Precedente
Successivo

Iscriviti alla Newslewtter

Iscrivendoti alla mailing list, autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali da parte di Still Osteopathic Clinics. Normativa sulla privacy

STILL OSTEOPATHIC CLINICS S.R.L.
Via Calzecchi Onesti 6
24124 Bergamo (Italia)

PER APPUNTAMENTI
Tel +39 035 36 22 80 • Fax +39 035 36 22 90
Email bergamo@osteopatia-still.com

Direttore Sanitario: Dott. Mario Iapicca Specialista in Ortopedia • Autorizzazione Sanitaria: n.2688 del 15-01-1993

©2019 – Tutti i diritti riservati alla Still Osteopathic Clinics s.r.l. – IT10728550152 – Normativa sulla privacy – Sito realizzato da MOOD-D

Teleconsulenza Skype

Per coloro che vivono lontani, all’estero o che non riescono a raggiungerci per motivi di tempo, è attivo il servizio di teleconsulenza via Skype. Questo servizio ci permetterà di ascoltarvi e darvi pareri personalizzati sul quesito clinico, diagnostico e terapeutico.

Le consulenze possono essere svolte in italiano, inglese, francese e russo.

Per facilitare la comprensione del quadro clinico vi verrà chiesto di inoltrarci via mail tutta la vostra documentazione medica ( esami del sangue, ecografie, lastre, risonanze, referti di visite pregresse, ecc..) e un breve riassunto del problema per il quale state cercando una soluzione.

Potete richiedere una teleconsulenza compilando il modulo sottostante o contattando la nostra segreteria al n. +39035362280 o per email: bergamo@osteopatia-still.com

Richiesta Consulenza