Autore: Zirilli Luca Osteopata D.O. M.Sc. Ost. (UK)

LA MIA VERTIGINE DIPENDE DALLA CERVICALE?

Fig. 1, RMN del collo e dell’encefalo nella quale si vede con liquido di contrasto, il percorso delle arterie cervicali che defluiscono poi nella circolazione dell’encefalo.

Ogni problematica cervicale si ripercuote sul flusso del sangue e sull’apporto di ossigeno all’interno dell’arteria vertebrale che dalla   base del collo vanno al cervello.

INTRODUZIONE

La sindrome vertiginosa può manifestarsi con uno o più sintomi, come: acufeni; nausea; mal di testa; pallore, sudorazione e mancamento; svenimento; visione offuscata.

È importante sottolineare che le sindromi vertiginose, seppur manifestandosi con caratteristiche simili, possono avere origini diverse.

Citiamo quelle più comuni che hanno origine cervicale, vascolare, acustiche, cerebrale, metaboliche e in alcuni casi anche psicologiche.

Al fine di stabilire la causa esatta della vertigine sarà necessario un approfondimento diagnostico, tramite specifici test clinici, esami di laboratorio e strumentali (RX, RMN, TSA ed esame vestibolare).

Le vertigini di origine cervicale sono causate da una compressione delle strutture muscolo-scheletriche del collo e/o dell’arteria vertebrale.

COS’E’ L’ARTERIA VERTEBRALE E PERCHE’ PUO’ ESSERE LA CAUSA DELLE VERTIGINI?

 

Fig. 2, viene rappresentato il decorso e l’anatomia dell’arteria vertebrale.

Come si vede in Fig. 2, l’arteria vertebrale nasce dall’arteria succlavia e risale all’interno di uno specifico canale presente all’interno della colonna cervicale, definito come canale trasversario. In seguito contorna le masse laterali della prima vertebra cervicale detta “Atlante”, per poi penetrare all’interno del cranio attraverso il foro occipitale.

Le due arterie vertebrali destra e sinistra, si uniscono poi per formare l’arteria basilare all’interno del cranio.

 

Fig. 3, il decorso dell’arteria all’interno del canale trasversario formato dai processi trasversi delle vertebre cervicali.

Queste arterie hanno una stretta relazione con la postura della colonna cervicale.

Ogni variazione di conformazione della postura o del movimento della colonna cervicale, si ripercuote sul decorso e sul flusso delle arterie vertebrali.

I muscoli del collo possono creare delle tensioni tali da indurre una postura e un movimento cervicale che comprimerà le arterie vertebrali.

Se l’arteria vertebrale che partecipa all’irrorazione del cervello viene compressa, il volume di sangue che dovrebbe confluire normalmente all’interno del cranio si riduce e da qui da origine alla vertigine.

QUALI SONO GLI ESAMI STRUMENTALI DA ESEGUIRE PER CAPIRE MEGLIO L’ORIGINE DELLE VERTIGINI?

Gli esami strumentali da eseguire quando si ipotizza una vertigine di origine cervicale sono: la radiografia (RX), la risonanza magnetica (RMN) del rachide cervicale e dell’encefalo e un esame vestibolare. Questi esami sono utilissimi per capire lo stato dei tessuti della colonna cervicale e se siamo in presenza di una compressione delle arterie. Inoltre, permettono di escludere un processo degenerativo artrosico, una discopatia o una patologia del cervello.

Un altro esame di vitale importanza in caso di vertigini è l’ecocolordoppler dei tronchi sovraortici (TSA). Permette di studiare e di escludere eventuali stenosi che hanno come conseguenza la diminuzione del flusso del sangue verso il cervello.

Tutti questi esami fanno parte della procedura diagnostica che permette di trovare la causa di una sindrome vertiginosa.

Il flusso sanguigno nelle arterie vertebrali può essere impedito da due fattori:

  • Dai fattori intrinseci tipici della patologia aterosclerotica con formazione di placca e stenosi.

Fig.4, viene rappresentato un’arteria sana a confronto con una aterosclerotica.

  • Dai fattori estrinseci rappresentati dalle alterazioni della meccanica del rachide cervicale e dalle alterazioni dei forami intra-trasversari in cui passa l’arteria vertebrale.

L’osteopata è in grado di risolvere le vertigini di origine cervicale.

QUAL È L’APPROCCIO OSTEOPATICO IN CASO DI VERTIGINE DI ORIGINE CERVICALE?

Innanzitutto l’osteopata esegue specifici test di mobilità del rachide cervicale per individuare le specifiche zone dove l’arteria vertebrale perde il suo flusso fisiologico.

Fig. 6, muscolatura cervicale.

La figura 6 descrive la complessità della muscolatura del rachide cervicale. L’arteria vertebrale passa all’interno del suo canale osseo che è ricoperto da tutti questi muscoli.

Grazie alla loro inserzione sulle prime due coste, i muscoli scaleni hanno la funzione di alzarle per iniziare il movimento fisiologico della respirazione.

Ogni trauma, alterazione posturale della colonna cervicale e difficoltà respiratoria, genererà una contrattura muscolare che può comprimere l’arteria vertebrale.

I suddetti test sono l’unico strumento per rivelare se la compressione è dettata da una contrattura della muscolatura del collo o da un blocco vertebrale.

Una volta individuato il meccanismo di compressione, l’osteopata potrà scegliere quale tipo di manipolazioni è più idonea ed intervenire per correggere definitivamente la disfunzione.

Fig. 7, vista superiore di una vertebra cervicale. I due fori laterali sono i due orifizi nella quale passano le arterie vertebrali.

In figura 7, facendo attenzione nella visione superiore, si può notare il foro che è presente in ogni vertebra cervicale e che delimita il canale trasversario in cui passa l’arteria vertebrale.

I punti dove maggiormente l’arteria può andare incontro a compressione sono la sesta vertebra e la prima cervicale.

I due meccanismi che contribuiscono ulteriormente a comprimere l’arteria vertebrale sono:

  1. Il processo degenerativo artrosico,
  2. L’alterazione della postura.

Il trattamento osteopatico non considera solo la colonna cervicale, ma anche come questa si muove rispetto al movimento di tutta la colonna vertebrale.

CONCLUSIONE

Le vertigini possono avere una origine cervicale, vestibolare, cerebrale, vascolare, metabolica e psicologica.

La diagnosi differenziale viene fatta tramite analisi di laboratorio, una accurata anamnesi ed esami strumentali, quali: RX, RMN, TSA ed esame vestibolare.

Le vertigini di origine cervicale che comprimono le arterie vertebrali sono di specifica competenza dell’osteopata.

L’osteopata analizza la dinamica cervicale e posturale globale tramite specifici test manuali, sceglierà poi le tecniche manipolative sicure e specifiche per correggere definitivamente lo squilibrio che ha causato la sindrome vertiginosa.

Condividi sui social:

Facebook
Twitter
LinkedIn

leggi gli ultimi articoli correlati

Pubblicato il 13/12/2022

INTRODUZIONE L’artrosi vertebrale, cosi come ogni tipo di artrosi è una definizione puramente radiologica. Anche se in letteratura viene definita come un processo di tipo degenerativo che colpisce le …

Pubblicato il 15/09/2022

  Diverse sono le cause che possono provocare un dolore al ginocchio. Queste sono divisibili in quattro categorie: Strutture meccaniche Metabolismo Patologie Emozioni   La prima categoria da considerare …

Pubblicato il 17/06/2022

Come fare se ci svegliamo la mattina con formicolii alla mano, riduzione della sensibilità e collo bloccato? Forse non è sempre colpa del materasso o del cuscino!   COSA …
L’ortopedico è in grado di diagnosticare problemi congeniti o funzionali del sistema muscolo-scheletrico, dalle infezioni ai traumi, fratture, problemi degenerativi delle articolazioni, osteoprosi e tumori alle ossa.
La Still è attenta all’importanza di una diagnosi accurata, al fine di impostare la terapia più adatta al caso.
La terapia infusionale consiste nella somministrazione di soluzioni e sostanze per via endovenosa allo scopo di migliorare le condizioni cliniche del paziente.
Oggi pressoché qualsiasi problema sessuale maschile e molti problemi riproduttivi maschili possono essere risolti in maniera eccellente con un approccio specialistico personalizzato.
La naturopatia è una disciplina che, attraverso metodi e trattamenti non invasivi, a carattere non sanitario, si propone di migliorare lo stato di benessere dell’individuo.
La filosofia e la pratica della medicina osteopatica si basa sulla visione, oggi attualissima, dell’essere umano come unità di corpo, movimento e spirito.
La terapia chelante viene utilizzata per trattare le intossicazioni croniche da metalli tossici alcuni dei quali sono detti “pesanti”, più comunemente accumulati nel corpo.
L’intestino ha un ruolo fondamentale nella salute di tutto l’organismo e per le difese immunitarie. L’idroterapia del colon è un metodo per mantenere pulito l’intestino.
Il massaggio è la più antica terapia fisica, utilizzata nel tempo da differenti civiltà per alleviare dolori e decontrarre la muscolatura allontanando la fatica.
E’ un metodo naturale di cura che sfrutta le proprietà di questi due gas, miscelati in una precisa percentuale, per neutralizzare le tossine accumulate.
Le cause profonde che nel tempo portano a varie malattie, tra cui l’obesità, il diabete e le malattie cardiovascolari, sono le stesse che portano a disturbi e infiammazione dell’apparato locomotore.
L’agopuntura è un’antica tecnica terapeutica che mediante l’infissione di aghi, monouso e sterili, stimola punti sulla superficie corporea. Ogni punto ha una peculiare funzione.
Il servizio di psicologia nasce dal desiderio di creare uno spazio sicuro e protetto in cui la persona possa portare la propria domanda di aiuto e sentirsi accolta.
Dolore, infiammazione e limitazione del movimento sempre più spesso accompagnano le problematiche dell’apparato locomotore.
La mesoterapia è una tecnica di somministrazione dei farmaci per via intraepidermica, intradermica (superficiale e profonda) e sottocutanea.
Precedente
Successivo

Iscriviti alla Newslewtter

Iscrivendoti alla mailing list, autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali da parte di Still Osteopathic Clinics. Normativa sulla privacy

STILL OSTEOPATHIC CLINICS S.R.L.
Via Calzecchi Onesti 6
24124 Bergamo (Italia)

PER APPUNTAMENTI
Tel +39 035 36 22 80 • Fax +39 035 36 22 90
Email bergamo@osteopatia-still.com

Direttore Sanitario: Dott. Ezio Cestari • Autorizzazione Sanitaria: n.2688 del 15-01-1993

©2019 – Tutti i diritti riservati alla Still Osteopathic Clinics s.r.l. – IT10728550152 – Privacy PolicyCookie Policy  Sito realizzato da MOOD-D

Teleconsulenza Skype

Per coloro che vivono lontani, all’estero o che non riescono a raggiungerci per motivi di tempo, è attivo il servizio di teleconsulenza via Skype. Questo servizio ci permetterà di ascoltarvi e darvi pareri personalizzati sul quesito clinico, diagnostico e terapeutico.

Le consulenze possono essere svolte in italiano, inglese, francese e russo.

Per facilitare la comprensione del quadro clinico vi verrà chiesto di inoltrarci via mail tutta la vostra documentazione medica ( esami del sangue, ecografie, lastre, risonanze, referti di visite pregresse, ecc..) e un breve riassunto del problema per il quale state cercando una soluzione.

Potete richiedere una teleconsulenza compilando il modulo sottostante o contattando la nostra segreteria al n. +39035362280 o per email: bergamo@osteopatia-still.com

Richiesta Consulenza