Autore: Dr. Filip Dudal Osteopath D.O.
Institute for Functional Medicine Certified Practitioner (IFMCP) USA
www.osteopatia-still.com

LA MELATONINA: Ormone anti-ossidante con effetti rilassanti e di induzione al sonno.

Autore: Filip Dudal D.O. IFMCP (USA)

La melatonina viene prodotta, in assenza di luce, dalla ghiandola pineale.  Questo ormone induce l’addormentamento senza però agire sulle fasi di sonno profondo REM e inoltre ha una spiccata azione anti-ossidante. Durante il giorno, una minima quantità di melatonina, con funzione soprattutto anti-ossidante, viene prodotta all’interno del tratto intestinale. Questa è la ragione per cui bisogna dormire in una stanza totalmente buia, senza spie di corridoio, di interruttori o di luce che entra dalla finestra. Una luce lasciata accesa, solo per rassicurare il bambino che si deve addormentare, riduce la sua produzione di melatonina e impedisce la buona induzione del sonno.

L’esposizione alla luce blu, soprattutto quella con frequenza tra i 460nm e i 480nm specifica di schermi del computer e del telefonino, inibisce la produzione di melatonina. E’ dunque del tutto sconsigliabile lavorare al computer nelle ore che precedono il sonno.

Il sovradosaggio di melatonina inibisce la produzione di testosterone e di sperma e nella donna l’ovulazione e la conversione del corpo luteo in follicolo. Nella donna fertile dunque, il sovradosaggio in melatonina può alterare il ciclo mestruale. Inoltre la melatonina si contrappone all’espressione del cortisolo prodotto dalle ghiandole surrenali.

La melatonina agisce sull’ipotalamo per regolare il ritmo circadiano sonno-veglia. Essendo la produzione della melatonina inibita dalla luce del sole, la produzione avviene fisiologicamente dalle 21:00 alle 6:00 con un picco di produzione verso mezzanotte.

 

concentrazione melatonina

 

Qualora il soggetto, per ragioni sociali e di stile di vita, va a letto tardi  in modo abituale, può sorgere la “Sindrome della Fase del Sonno Ritardata” (DSPS – Delayed Sleep Phase Sindrome). In questa sindrome l’individuo presenta un disturbo cronico del ritmo del sonno nel quale si addormenta dopo la mezzanotte e ha difficoltà per il  risveglio mattutino. Inoltre durante la giornata presenta un diminuzione della capacità di prestare attenzione. E’ dunque vero che le ore prima della mezzanotte sono quelle più preziose per un buon riposo e recupero dell’ organismo.

La produzione di melatonina diminuisce con l’avanzare dell’età, e questo spiega il perché tanti adulti devono confrontarsi con una diminuzione spontanea delle ore di sonno.

 

 

La produzione è massimale verso i 10 anni ed è il perché bisogna rispettare la necessità di maggior ore di sonno dei bambini. Troppe volte i bambini , per un errato stile di vita, devono seguire gli stessi ritmi sonno-veglia dei genitori. La produzione poi gradatamente scende per dimezzarsi verso i 40 anni per diventare minima dai 60 anni in poi. La diminuzione della produzione di melatonina si iscrive nella diminuzione della produzione di tutti gli ormoni con l’avanzare dell’età.

Un dosaggio di tutti gli ormoni, sia nel sangue che nelle urine, permette di stabilire quali ormoni non raggiungono un livello ottimale e possono essere sostituiti con ormoni bio-identici (BHRT – Bio-identical Hormone Replacemente Therapy).

Il livello di melatonina può essere dosato nelle urine 24 ore sotto forma della 6-sulfatossi-melatonina (valore ottimale: più di 40 ug/24 ore)  e nella saliva  sotto forma di melatonina salivare (valore ottimale: 55-70 pg/mL), anche se quest’ultimo test è meno preciso.

La produzione della melatonina si alterna con quella di un altro ormone: il Cortisolo che viene prodotto dalle ghiandole surrenali. Il cortisolo aumenta il livello di energia aumentando il livello della glicemia, aumenta la pressione arteriale e infine neutralizza l’infiammazione. Il cortisolo ha dunque una funzione opposta a quello della melatonina. La melatonina addormenta e il cortisolo dinamizza.

La produzione di cortisolo che avviene di giorno, viene stimolata dalla luce, dalla stazione eretta, dallo stress e dal perdurare delle emozioni non risolte.

melatonina

 

In una situazione equilibrata, la melatonina che viene soprattutto rilasciata di notte, riduce i livelli di cortisolo aiutando così l’individuo ad addormentarsi con più facilità. Un livello basso di melatonina, soprattutto in situazioni di stress, permette al cortisolo di rimanere   alto in modo inappropriato inducendo cosi l’individuo a rimanere sveglio di notte.

Prima di somministrare la melatonina, bisogna sempre valutare anche il livello del cortisolo. La melatonina si oppone all’espressione del cortisolo. Serve prudenza in quei casi dove il paziente ha bisogno di maggiori tassi di cortisolo, cioè in situazioni come allergie, artrite, malattie auto-immuni, stress in fase di esaurimento, gravidanza, disturbi dell’ ovulazione e in tutte le situazioni ove esiste un altro grado di infiammazione sistemica. Il livello del cortisolo può essere misurato nel sangue la mattina a digiuno idealmente alle ore 8:00 (Cortisolo totale – valore ottimale: 180 ng/mL e Cortisolo Libero – valore ottimale: 20 ng/mL), nelle urine 24 ore (17-OH-steroidi – valore ottimale per l’uomo: 13 mg/24ore, per la donna: 7 ng/mL) o infine nella saliva (Cortisolo libero – valore ottimale al mattino 20-30 nmol/L).

Ecco i sintomi che devono far sospettare un  deficit di Melatonina:

 

  • sonno disturbato o agitato
  • tensione muscolare di notte, agitazione degli arti inferiori
  • fatica durante le ore diurne
  • dolori e spasmi addominali di notte per anomala attività intestinale di notte
  • ansia notturna, mancanza di serenità e pace mentale
  • depressione
  • cambi di umore stagionali (“Seasonal Affective Disorder”)
  • Sindrome della Fase Ritardata del Sonno
  • Deficit del potenziale anti-ossidativo, e periodi di aumento dello stress ossidativo come nei sindromi cardio-vascolari (infarto, ictus, aritmie),
  • Jet Lag

In conclusione, prima di integrare questo ormone, bisogna controllare i livelli di melatonina e di cortisolo, correggere lo stile di vita e l’ ora alla quale si va a dormire, spegnere o occultare tutte le fonti di luce, evitare di lavorare con luce blu nelle ore che precedono il sonno, ridurre lo stress e infine fare un pasto serale leggero al fine di non sollecitare l’apparato digerente di notte che fisiologicamente è meno attivo durante il sonno.

La forma più assimilabile di melatonina è quella sub-linguale e deve essere minore se il cortisolo è basso. Il giusto dosaggio dipende dal risultato delle analisi.

 

Bibliografia:

Aoki H., Hypersensitivity of melatonin suppression in response to light in patients with delayed sleep phase syndrome. Chronobiology International, 2001. Taylor & Francis.

Chen C. Distribution, function and physiological role of melatonin in the lower gut. World Journal of Gastroenterology, Sept. 2011.

Dudal F. D.O. IFMCP – Approccio Metabolico in Clinica Osteopatia – Comunicazione – Ormoni e Neuro-trasmettitori – ICOM, Milano 24 Novembre 2018.

Hertoghe T., MD., The Hormone Handbook – International Medical Books – Publications, Mamer, 2006.

Rahman S.A. Antidepressant action of melatonin in the treatment of Delayed Sleep Phase Syndrome. Sleep Medicine 2010, Elsevier.

Reinter J. Melatonin as a Free Radical Scavenger: implications for aging and age-related disease. Annals of the New York Academy of Sciences. 1994

Sharma M.  Circadian rhythms of melatonin and cortisol in aging. Biological Psychiatry, 1989. Elsevier.

Thalen B. Cortisol in light treatment of seasonal and non-seasonal depression. Relationship between melatonin and cortisol. Acta Psychiatrica, 1997.

Condividi sui social:

Facebook
Twitter
LinkedIn

leggi gl'Ultimi articoli correlati

Pubblicato il 24/08/2021

Troppi zuccheri e carboidrati, l’alimentazione che fa ingrassare e invecchiare

La cultura della tavola e le abitudini alimentari della popolazione europea media fanno sì che un individuo consumi una quantità di alimenti e bevande equivalenti ad un totale di  …

Pubblicato il 21/07/2021

PANCIA GONFIA: La Sindrome della Fermentazione Intestinale

La fermentazione intestinale, che porta la pancia a gonfiarsi, è molto comune fra gli adulti di entrambi i sessi ma anche nei bambini e molto spesso viene sottovalutata ed  …

Pubblicato il 11/04/2020

Difesa Immunitaria

Come funziona – Il test per valutarla – Cosa la sostiene – Cosa la rende vulnerabile – Come rinforzarla In un momento di epidemia o pandemia come quello che …
La filosofia e la pratica della medicina osteopatica si basa sulla visione, oggi attualissima, dell’essere umano come unità di corpo, movimento e spirito.
L’intestino ha un ruolo fondamentale nella salute di tutto l’organismo e per le difese immunitarie. L’idroterapia del colon è un metodo per mantenere pulito l’intestino.
E’ un metodo naturale di cura che sfrutta le proprietà di questi due gas, miscelati in una precisa percentuale, per neutralizzare le tossine accumulate.
Il massaggio è la più antica terapia fisica, utilizzata nel tempo da differenti civiltà per alleviare dolori e decontrarre la muscolatura allontanando la fatica.
Le cause profonde che nel tempo portano a varie malattie, tra cui l’obesità, il diabete e le malattie cardiovascolari, sono le stesse che portano a disturbi e infiammazione dell’apparato locomotore.
L’agopuntura è un’antica tecnica terapeutica che mediante l’infissione di aghi, monouso e sterili, stimola punti sulla superficie corporea. Ogni punto ha una peculiare funzione.
L’ortopedico è in grado di diagnosticare problemi congeniti o funzionali del sistema muscolo-scheletrico, dalle infezioni ai traumi, fratture, problemi degenerativi delle articolazioni, osteoprosi e tumori alle ossa.
Il servizio di psicologia nasce dal desiderio di creare uno spazio sicuro e protetto in cui la persona possa portare la propria domanda di aiuto e sentirsi accolta.
La Still è attenta all’importanza di una diagnosi accurata, al fine di impostare la terapia più adatta al caso.
La mesoterapia è una tecnica di somministrazione dei farmaci per via intraepidermica, intradermica (superficiale e profonda) e sottocutanea.
La terapia chelante viene utilizzata per trattare le intossicazioni croniche da metalli tossici alcuni dei quali sono detti “pesanti”, più comunemente accumulati nel corpo.
Oggi pressoché qualsiasi problema sessuale maschile e molti problemi riproduttivi maschili possono essere risolti in maniera eccellente con un approccio specialistico personalizzato.
Dolore, infiammazione e limitazione del movimento sempre più spesso accompagnano le problematiche dell’apparato locomotore.
La terapia infusionale consiste nella somministrazione di soluzioni e sostanze per via endovenosa allo scopo di migliorare le condizioni cliniche del paziente.
La naturopatia è una disciplina che, attraverso metodi e trattamenti non invasivi, a carattere non sanitario, si propone di migliorare lo stato di benessere dell’individuo.
Precedente
Successivo

Iscriviti alla Newslewtter

Iscrivendoti alla mailing list, autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali da parte di Still Osteopathic Clinics. Normativa sulla privacy

STILL OSTEOPATHIC CLINICS S.R.L.
Via Calzecchi Onesti 6
24124 Bergamo (Italia)

PER APPUNTAMENTI
Tel +39 035 36 22 80 • Fax +39 035 36 22 90
Email bergamo@osteopatia-still.com

Direttore Sanitario: Dott. Ezio Cestari • Autorizzazione Sanitaria: n.2688 del 15-01-1993

©2019 – Tutti i diritti riservati alla Still Osteopathic Clinics s.r.l. – IT10728550152 – Normativa sulla privacy – Sito realizzato da MOOD-D

Teleconsulenza Skype

Per coloro che vivono lontani, all’estero o che non riescono a raggiungerci per motivi di tempo, è attivo il servizio di teleconsulenza via Skype. Questo servizio ci permetterà di ascoltarvi e darvi pareri personalizzati sul quesito clinico, diagnostico e terapeutico.

Le consulenze possono essere svolte in italiano, inglese, francese e russo.

Per facilitare la comprensione del quadro clinico vi verrà chiesto di inoltrarci via mail tutta la vostra documentazione medica ( esami del sangue, ecografie, lastre, risonanze, referti di visite pregresse, ecc..) e un breve riassunto del problema per il quale state cercando una soluzione.

Potete richiedere una teleconsulenza compilando il modulo sottostante o contattando la nostra segreteria al n. +39035362280 o per email: bergamo@osteopatia-still.com

Richiesta Consulenza