La funzione intestinale e il programma di cura 5R

La funzione intestinale è la prima a dover essere presa in considerazione. Infatti digestione, assimilazione ed eliminazione permettono di apportare all’organismo quei nutrienti di cui ha bisogno e di scartare le scorie che sono dannose. Questo senza contare l’indispensabile ruolo immunologico che viene svolto dall’intestino e l’effetto che la sua funzione ha sulla sfera cerebrale.

Spesso si osservano deficit di assimilazione di Vitamine del gruppo  B, Zinco, Selenio e Ferro che sono tutti importanti co-fattori per la giusta trasformazione dell’ ormone tiroideo T4 in T3 che poi a sua volta agirà su ogni cellula dell’organismo. Questo esempio illustra come una disfunzione di assimilazione e trasformazione a livello intestinale può avere conseguenze a livello ormonale e come le diverse funzioni possono essere correlate tra di loro.

I sintomi e disturbi digestivi che rispondono molto bene al Programma 5R sono: il Reflusso Gastro-esofageo, la gastrite, la nausea, l’ aereocolia, la colite, la diverticolite, le emorroidi, lombalgie correlate alle coliti, la stitichezza, la diarrea, la presenza di cibi non digeriti nelle feci, le candidosi, le gastroenteriti e le parassitosi.

Il programma 5R prevede di:

  • Rimuovere quegli alimenti e bevande che sono risultati essere allergeni o ai quali l’individuo è ipersensibile o intollerante per deficit enzimatici. Inoltre è necessario eliminare i parassiti e la flora patogena composta da batteri, muffe, lieviti, candida e/o virus. Infine bisognerà rimuovere le fonti di stress che contribuiscono a sbilanciare il sistema immunitario e a irritare sempre di più il sistema neurologico enterico. Sarà quindi necessario intervenire sull’alimentazione dell’individuo, non solo per dimagrire in caso di sovrappeso e di obesità ma soprattutto per ridurre l’infiammazione sistemica e per contribuire a ripristinare le diverse funzioni dell’ organismo. Ogni intervento sull’alimentazione dovrà essere personalizzato in funzione dei risultati degli esami di laboratorio che avranno individuato le disfunzioni metaboliche presenti.
  • Rimpiazzare quegli enzimi digestivi e/o sali biliari che mancano per una buona e completa digestione e assimilazione. Si tratta soprattutto degli enzimi prodotti dallo stomaco (pepsina e lipasi), dal pancreas (elastasi-1-pancreatica, amilasi, e lipasi) e dall’ epitelio intestinale (lattase, peptidi, saccarasi e maltase). Inoltre alcuni enzimi di origine vegetale come la Ficina estratta dal Ficus Carica, la Papaina  estratta dalla Carica Papaya e la Bromelina estratta dal gambo dell’ ananas possono essere somministrati per la loro spiccata attività proteolitica e non solo.
  • Reinoculare la buona flora batterica con specifici probiotici, e la dove necessario anche con prebiotici. I probiotici sono specifici ceppi batterici commensali che mantengono un corretto ambiente interno e che contribuiscono alla buona digestione, alla formazione di vitamine, all’assimilazione e alla buona funzione immunitaria dell’intestino. I probiotici principali sono i Lattobacilli, i Bifidobacilli e i Saccaromyces Boulardii. I prebiotici sono sostanze non digeribili che stimolano la crescita e l’attività della flora batterica intestinale. Sono prevalentemente fibre alimentari presenti nella frutta e nella verdura.
  • Riparare la mucosa intestinale fornendo quei nutrienti di cui ha bisogno: la L-Glutamina, il n-Butirrato l’ acido Pantotenico, il Zinco citrato, gli acidi grassi omega 3, la vitamine A, D,E, l’ Acico Folico, l’ Indolo-3-carbinolo e l’ amino acido Glicina.
  • Ribilanciare il sistema neurologico enterico attraverso la modificazione dello stile di vita. I fattori modificabili sono: alimentazione e idratazione, dipendenze da fumo, caffè, droghe e medicinali, quantità e qualità del sonno e del rilassamento, movimento ed esercizio fisico, modo di relazionarsi con gli altri, socializzazione e relazioni affettive e amicali.

I test di laboratorio che permettono di stabilire il piano di cura in modo personalizzato sono il test delle feci (Comprehensive Stool Test) e il pannello IgG/IgE/Serologia Celiaca. Inoltre un esame del sangue potrà individuare quali sono i metaboliti che sono in deficit per mancanza di digestione e/o assorbimento.

Durante il programma 5R, possono essere indicate delle sedute di idrocolonterapia che contribuiscono ad eliminare le scorie e le feci incrostate sulla muscosa intestinale.

Autore: Filip Dudal D.O. IFMCP USA

Condividi sui social:

Facebook
Twitter
LinkedIn

leggi gl'Ultimi articoli correlati

  • Analisi di Laboratorio / Functional Medicine / Medicina Osteopatica

Pubblicato il 03/02/2020

Disturbi correlati al consumo del glutine

Generalmente si considera che il Morbo Celiaco sia l’unica forma di disturbo causato dall’ingestione del glutine. In realtà diversi studi scientifici, condotti dal Dr. Alessio Fasano della Harvard University …
  • Agopuntura / Analisi di Laboratorio / Functional Medicine / Medicina Osteopatica / Mesoterapia / Ortopedia

Pubblicato il 05/11/2019

Spalla bloccata, dolorosa e infiammata

Diverse sono le cause possibili che possono limitare il movimenti della spalla e rendere l’articolazione infiammata e dolorosa. Per meglio poter stabilire la condizione della spalla e per definire …
  • Functional Medicine / Medicina Osteopatica

Pubblicato il 24/10/2019

Medicina Osteopatica per i neonati

Il feto ha un’ organismo molto elastico e resiliente. Alla nascita, le ossa del neonato sono 270. Da adulto le ossa si riducono a 206 perché alcune di esse …
La filosofia e la pratica della medicina osteopatica si basa sulla visione, oggi attualissima, dell’essere umano come unità di corpo, movimento e spirito.
La terapia chelante viene utilizzata per trattare le intossicazioni croniche da metalli tossici alcuni dei quali sono detti “pesanti”, più comunemente accumulati nel corpo.
Dolore, infiammazione e limitazione del movimento sempre più spesso accompagnano le problematiche dell’apparato locomotore.
E’ un metodo naturale di cura che sfrutta le proprietà di questi due gas, miscelati in una precisa percentuale, per neutralizzare le tossine accumulate.
La terapia infusionale consiste nella somministrazione di soluzioni e sostanze per via endovenosa allo scopo di migliorare le condizioni cliniche del paziente.
L’intestino ha un ruolo fondamentale nella salute di tutto l’organismo e per le difese immunitarie. L’idroterapia del colon è un metodo per mantenere pulito l’intestino.
L’agopuntura è un’antica tecnica terapeutica che mediante l’infissione di aghi, monouso e sterili, stimola punti sulla superficie corporea. Ogni punto ha una peculiare funzione.
Le cause profonde che nel tempo portano a varie malattie, tra cui l’obesità, il diabete e le malattie cardiovascolari, sono le stesse che portano a disturbi e infiammazione dell’apparato locomotore.
La Still è attenta all’importanza di una diagnosi accurata, al fine di impostare la terapia più adatta al caso.
La mesoterapia è una tecnica di somministrazione dei farmaci per via intraepidermica, intradermica (superficiale e profonda) e sottocutanea.
L’ortopedico è in grado di diagnosticare problemi congeniti o funzionali del sistema muscolo-scheletrico, dalle infezioni ai traumi, fratture, problemi degenerativi delle articolazioni, osteoprosi e tumori alle ossa.
Precedente
Successivo